Nuovi prodotti

Nuovi prodotti
Tutti i nuovi prodottinavigate_next
Anteprima / Bahíyyih Khánum, La Più Grande Santa Foglia

Anteprima / Bahíyyih Khánum, La Più Grande Santa Foglia

Di imminente pubblicazione in lingua italiana per i tipi della Casa Editrice Bahá’í Bahíyyih Khánum - La Più Grande Santa Foglia, compilazione di Testi sacri bahá’í, scritti di Shoghi Effendi (Custode della Fede dal 1921 al 1957) e lettere della stessa illustre figlia di Bahá’u’lláh,  profeta fondatore della Fede bahá’í. 

L’opera, curata dal Dipartimento delle ricerche del Centro Mondiale situato ad Haifa e pubblicata per la prima volta in inglese nel 1982, in occasione del cinquantesimo anniversario della scomparsa della «principale eroina della Dispensazione bahá’í», è un omaggio ad uno dei personaggi femminili della Causa che in virtù delle proprie idee e qualità si sono maggiormente distinti come paradigma di una nuova femminilità.

Se Táhirih, poetessa persiana del XIX secolo che subì la morte come martire della Fede bábí, è associata a doti di forza e audacia, tanto da essere considerata una paladina dell’emancipazione delle donne, Bahíyyih Khánum (1846-1932) è universalmente riconosciuta come un modello di virtù e consacrazione al servizio della Fede bahá’í.

La Più Grande Santa Foglia, titolo che ricevette da Bahá’u’lláh stesso, servì infatti fino alla fine della sua vita terrena prima l’adorato padre, poi il fratello ‘Abdu’l-Bahá (1844-1921), designato successore ed interprete degli insegnamenti, e infine il nipote Shoghi Effendi, restando sempre fedele al Patto di successione istituito dal Fondatore della Fede quale potente mezzo per difendere l’unità della Fede bahá’í e dei suoi seguaci.

Le privazioni e le difficoltà dovute all’imprigionamento e all’esilio della sua famiglia non distrassero neppure per un momento Bahíyyih Khánum dalla sua ragione di vita: servire la Causa e preservarne l’unità, trasformare i cuori ricettivi e illuminare le menti delle persone spirituali. 

Nelle sue lettere ai credenti emergono costanti l’incoraggiamento, la fiducia nel futuro, l’esortazione a seguire il «Patto perfetto». Null’altro le avrebbe conferito la forza di sopportare fatiche e dolore costanti. Null’altro avrebbe avuto senso. 

Alberto Risaliti

In foto:  una vista del luogo di riposo della Più Grande Santa Foglia, Bahíyyih Khánum, la figlia di Bahá'u'lláh, nei giardini bahá’í di Haifa.

Copyright © Bahá'í International Community